Maltempo, allerta gialla in otto regioni: piogge e venti fino a burrasca al Centro-Sud

Prevista per la giornata di domani allerta gialla su Umbria, Lazio, gran parte della Sardegna e alcuni settori di Emilia-Romagna, Abruzzo, Basilicata, Calabria e Sicilia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un sistema perturbato atlantico, proveniente dalla Francia, raggiungerà, nella giornata di domani, i settori più occidentali italiani determinando una fase di tempo instabile su Emilia-Romagna e gran parte delle regioni centrali, con associato un deciso rinforzo dei venti al Sud. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalla tarda mattinata di domani, mercoledi’ 14 ottobre, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, dapprima su Sardegna ed Emilia-Romagna, in estensione a Umbria, Lazio e settori occidentali di Abruzzo e Molise. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Dal pomeriggio di domani attesi, inoltre, venti da forti a burrasca dai quadranti meridionali dapprima su Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia, in estensione al Lazio e tendenza a ruotare dai quadranti occidentali. Possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, mercoledì 14 ottobre, allerta gialla su Umbria, Lazio, gran parte della Sardegna e su alcuni settori di Emilia-Romagna, Abruzzo, Basilicata, Calabria e Sicilia. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»