Scuola, Azzolina: “Ragazzi felici di essere tornati sui banchi, devono restarci”

La ministra dell'Istruzione esclude il ritorno alla didattica a distanza anche per i più grandi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “I ragazzi sono felici di essere tornati a scuola. E ci devono rimanere. Anche per quelli più grandi la didattica in presenza è fondamentale perché garantisce formazione ma anche socialità, un bisogno che oggi è meglio soddisfare a scuola. I numeri, infatti, e le analisi dell’Istituto Superiore di Sanità ci confermano che i contagi non avvengono dentro le scuole. L’attenzione deve essere invece orientata fuori, alle attività extrascolastiche, come ribadiamo da tempo”. In un post su Facebook, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, ribadisce la contrarietà sulla possibile chiusura delle scuole secondarie di secondo grado.

LEGGI ANCHE: I presidi: “No a chiusura scuole, sono il luogo più sicuro”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»