Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Andrea Bernaudo si candida a sindaco di Roma: “Serve una rivoluzione amministrativa”

liberisti italiani andrea bernaudo
Con la lista Liberisti Italiani, con cui presenta un programma di riforme che vanno dall'abolizione della Tari alla liberalizzazione delle municipalizzate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Andrea Bernaudo, già consigliere regionale nel Lazio (era stato eletto con la Lista Polverini nel 2010) annuncia la sua candidatura a sindaco di Roma con la lista Liberisti Italiani, con cui presenta un programma di riforme che vanno dall’abolizione della Tari alla liberalizzazione delle municipalizzate. “Vogliamo rivoluzionare la macchina amministrativa, chiamare a Roma competenze nuove e polverizzare le imposte, rendendo conveniente un green deal per la città che deve diventare un esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti, nei trasporti pubblici e nella manutenzione stradale, grazie a una rivoluzione liberale che faccia uscire Roma dalla grande depressione in cui l’hanno cacciata”, dichiara Bernaudo. Imprenditore immobiliare, romano, 50enne, Andrea Bernaudo ha fondato l’associazione Sos Partita Iva con cui ha dato voce a migliaia di associati.

LEGGI ANCHE: Roma, Italia Viva: “Il Pd preferisce l’accordo con il M5s a quello con Calenda”

A.A.A. cercasi sindaco per Roma, astenersi perditempo e divisivi

Sgarbi: “Mi candido a sindaco di Roma: via autovelox, musei gratis e scuola alle 10”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»