Gualtieri: “Nel 2021 le tasse diminuiranno”

“La vera sfida perché le stime del Pil possano essere confermate o migliorate è il contenimento del virus”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Le tasse non aumenteranno l’anno prossimo ma diminuiranno”, dichiara il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in audizione sulla Nota di aggiornamento al Def nelle commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato

GUALTIERI: “STIMA III TRIMESTRE DEL PIL MIGLIORE DI IPOTESI APRILE”

“La stima del terzo trimestre del Pil dovrebbe risultare migliore di quella ipotizzata ad aprile nel Def”, spiega il ministro.  “Le entrate vanno meglio del previsto grazie a quei contribuenti che anche nei mesi peggiori della pandemia hanno continuato a versare i propri oneri anche se avevano diritto alla sospensione”, aggiunge. “La vera sfida perchè le stime del Pil possano essere confermate o migliorate è il contenimento del virus”, spiega il ministro.

GUALTIERI: “CON LE RIFORME IMPATTO DI OLTRE 2 PUNTI DEL PIL”

“Le riforme considerate, se efficaci, possono innalzare il Pil a fine periodo nel 2026 di oltre due punti percentuali”.

GUALTIERI: “RIFORMA DEL FISCO IN 3 ANNI, DAL 2021 ASSEGNO UNICO PER I FIGLI”

“L”ampia riforma fiscale nel triennio 2021-2023 che sarà introdotta con una legge delega si legherà all’altra riforma che vogliamo adottare già dal 2021: la legge delega che riguarda l’assegno unico universale per i figli”.

GUALTIERI: “VALUTIAMO PROROGA MORATORIA CREDITI”

Per le pmi “stiamo valutando l’ulteriore prolungamento della moratoria dei crediti che scade il 31 gennaio”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»