Siria, a Bologna flash mob dei giovani Dem contro le atrocità della Turchia

In centro armati di pc: "Di maio agisca"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Curdi morti di serie B?”. Si legge sui volantini mostrati questa mattina dai Giovani democratici di Bologna, che hanno organizzato un flash mob di solidarietà a sostegno del popolo curdo, in questi giorni attaccati dall’esercito turco al confine nord-est della Siria. ‘Armati’ di computer portatili e altri dispositivi digitali hanno mostrato foto e immagini “delle atrocità” che stanno succedendo in questi giorni in Siria.

“Il numero dei morti aumenta di ora in ora, le code di chi fugge esplode, mentre il sangue ne diventa la firma e la cornice di una guerra di cui non soltanto siamo complici, ma artefici”, dice Rosy Davidde, segretaria provinciale dei Giovani democratici di Bologna. Per i Giovani dem il ministro agli Esteri, Luigi Di Maio, si deve assumere “le proprie responsabilità” ed “iniziare a portare avanti una politica estera seria: bene chiedere all’Unione una posizione univoca sull’esportazione #armi, ma iniziamo noi. Parta anche dall’Italia un messaggio chiaro, affinché non si rilascino più equipaggiamenti che potrebbero essere utilizzati in Siria”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»