Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mare, 100 studenti a Napoli studiano il mondo sommerso

Arrivano da tutta Italia e studieranno il mare di Napoli dal punto di vista della biologia marina, dell'archeologia subacquea e delle riserve costiere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

subacquei_mare

NAPOLI – Imparare a studiare, conoscere e tutelare il mondo sommerso partendo dal mare di Napoli. Da domani e per le prossime tre settimane il Parco sommerso di Gaiola ospiterà 100 studenti provenienti da tutte le Università d’Italia trasformandosi in un laboratorio di formazione attiva sull’ambiente marino costiero mediterraneo. Gli stage di Biologia marina ed Archeologia subacquea del Progetto “Sommergiamoci” si svolgeranno presso il Centro ricerca e divulgazione (CeRD), dell’Area marina protetta che si distingue per la varietà di elementi che si possono osservare e studiare.

Si va dalla biologia marina alla geomorfologia costiera, dagli aspetti vulcanologici a quelli archeologici fino all’ornitologia ed alle rilevanze botaniche della costa emersa. I seminari e le esercitazioni in mare saranno curati dai ricercatori del Csi Gaiola onlus coadiuvati da esperti di settore afferenti alle Università partenopee. Gli studenti pernotteranno nel vicino Centro polifunzionale di Marechiaro S. Francesco d’Assisi, messo a disposizione dal Comune di Napoli.

di Carmen Credendino, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»