Istruzione, Giannini: “Il vero cambiamento è l’alternanza scuola-lavoro” – VIDEO

La formazione pratica che si fa in azienda, 400 ore per gli istituti tecnici e 200 per i licei "è scuola, è formazione, è studio". È questo il vero cambiamento, contenuto ne 'La buona scuola'.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La formazione pratica che si fa in azienda, 400 ore per gli istituti tecnici e 200 per i licei “è scuola, è formazione, è studio“. È questo il vero cambiamento, contenuto ne ‘La buona scuola’. È quell’alternanza scuola lavoro per la quale “dobbiamo trovare fino in fondo il coraggio di applicare questa legge”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, in occasione della Seconda giornata dell’Education di Confindustria, alla Luiss di Roma.

Questa, ha aggiunto Giannini “è una legge che cambia un paradigma che nel corso del secolo scorso ha dato ai licei – soprattutto grazie allo studio delle materie umanistiche – una funzione specifica“. Un impianto quindi “che non va rinnegato, ma bisogna rendersi conto che siamo in un altro secolo”. Un secolo caratterizzato “dalla trasversalità del sapere, dal continuo mutamento della società e dalla necessità di avere un approccio multidisciplinare verso qualsiasi argomento”. Per tutte queste ragioni, ha concluso il ministro, “le scuole, ma anche le imprese, devono acquisire questo nuovo modello. I ragazzi sono un investimento fondamentale e quando vanno in azienda devono essere valorizzati”.

di Ugo Cataluddi – giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»