Lavoro. Renzi: “Fine sgravio Jobs act nel 2018, ma Ires al 24%”

Se sindacati e Confindustria "non si mettono d'accordo" sulla riforma dei contratti "interveniamo noi. E lo stesso vale per gli scioperi", dice Renzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lo sgravio contributivo sui nuovi assunti “e’ una sorta di incentivo, stavo per dire di ‘droga’, ma non si puo’ dire. Ma non lo puoi tenere per sempre, se e’ un incentivo prima o poi deve finire. Quest’anno lo confermiamo, ma nel 2018 finira’ del tutto e ci sara’ una misura strutturale di abbassamento del costo del lavoro con l’Ires, misura per cui andremo al 24%, con un livello sotto quello della Spagna e diventiamo il primo paese tra quelli grandi”. Cosi’ Matteo Renzi, a Rtl 102.5.

“Ci sarebbe bisogno di una semplificazione anche sull’Irpef, ma facciamo una cosa per volta. Un impegno? Nel 2018. Adesso mi immagino che si dica che e’ per le elezioni. Eccoli…”

lavoro imprese

“SCIOPERI E CONTRATTI, SENZA INTESA INTERVENIAMO NOI” – “Se sindacati e Confindustria non si mettono d’accordo” sulla riforma dei contratti “interveniamo noi. E lo stesso vale per gli scioperi. O si mettono d’accordo o lo facciamo noi. Per gli scioperi “bisogna trovare una soluzione. Non puo’ essere che il primo che si alza ogni venerdi’ blocca una citta’”, dice Matteo Renzi a Rtl 102.5, parlando rispettivamente della riforma dei contratti e della disciplina degli scioperi nei servizi pubblici.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»