Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Pietro Formenton racconta ‘Il cattivo soggetto’

il cattivo soggetto
L'opera umoristica dedicata all'ostinazione di un aspirante scrittore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Padovano ma di adozione milanese, Pietro Formenton ha esordito alla fine di maggio nel mondo della narrativa, con un libro umoristico. ‘Il cattivo soggetto’ è la sua opera prima pubblicata da Elemento 115 e dedicata a un aspirante sceneggiatore disposto a tutto pur di coronare il suo sogno. Impegnato nel mondo della comunicazione, Formenton da sempre ha lavorato nel mondo dell’editoria e in produzioni televisive e cinematografiche. Esperienze private e professionali sono quindi entrate di diritto nelle pagine del suo libro. Iperbolici stereotipi e cliché dei nostri tempi rendono esilarante il protagonista e il mondo che lo circonda. Ai microfoni della Dire Formenton ha confessato che le tribolazioni del suo ‘Carlo’ (lo sceneggiatore de’ Il cattivo soggetto) le ha vissute anche lui. Pubblicare un libro come trovare un regista o una produzione per una sceneggiatura resta nel nostro Paese tra le cose più complicate di sempre. Al di la’ delle risate amare che accompagnano le vicende del protagonista, Formenton resta ottimista: “Se ce l’ho fatta io, che non sono più giovanissimo, c’è speranza per tutti”.

IL LIBRO

Carlo Brambilla – per tutti Carletto – aveva sette anni quando suo padre ha fatto fallire l’azienda di famiglia e si è dato alla macchia. Costretto a trasferirsi con la madre in casa dell’odiato zio Onofrio, da allora coltiva il sogno di lasciare l’hinterland milanese per seguire la sua vocazione di scrittore. Sua madre però ne coltiva uno di segno opposto: farlo assumere da Onofrio nel suo florido negozio di ferramenta. Di conseguenza, dal giorno del diploma la vita di Carletto è diventata una vera e propria corsa a ostacoli. Ma lui non si lascia abbattere, e pur di coronare il suo sogno è disposto anche a scendere a qualche compromesso. Persino quando scendere significa in realtà precipitare.

L’AUTORE

Pietro Formenton è nato a Padova nel 1963. Ha sempre lavorato nel campo della comunicazione, iniziando nel 1982 nella neonata Retequattro. In seguito è stato produttore televisivo indipendente (con brevi incursioni nel cinema), copywriter in un’agenzia di pubblicita’, autore di documentari e traduttore dall’inglese per diverse case editrici. Vive a Milano con la moglie, tre figli e un cane.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»