Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scuola, Bianchi: “Buon primo giorno a tutti i bambini e ragazzi”

ministro bianchi
Il videomessaggio del ministro dell'Istruzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ragazze e ragazzi, bambine e bambini, bentornati. A voi, a tutti i vostri insegnanti, a tutto il personale della vostra scuola, alle vostre famiglie, buon primo giorno di scuola. Tornare a scuola vuol dire trovare gli amici, trovare i nostri ambienti, gli spazi, gli spazi della nostra vita. Vuol dire tornare anche in un luogo degli affetti, quegli affetti che poi rimarranno per tutta la vita. Questi affetti che si coltivano, si sviluppano, e si sviluppano insieme con quello straordinario momento della vita che è imparare. Imparare non vuol dire soltanto apprendere – prendo e metto lì – vuol dire fare proprio, mettere dentro, dentro se stressi. La scuola è questo, è questa straordinaria avventura dell’imparare insieme, insieme esplorare mondi nuovi, esplorare anche nuovi incontri però farlo insieme. Lo fate insieme con tutti coloro che in questo momento lavorano per riaprire la scuola, dentro e fuori le mura della nostra scuola. È una parte importante del Paese, è praticamente tutto il Paese. E tutto il Paese oggi è con noi, con la nostra scuola, perché la scuola è il centro del nostro Paese e il cuore della nostra comunità”. Questo il messaggio del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi per il nuovo anno scolastico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»