Calabria, scoperta presenza di Patella ferruginea

arpacal: "considerata specie ad alto rischio d'estinzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Dopo il ritrovamento del corallo nero a Scilla (RC) e del madreporario Dendrophyllia ramea a Nicotera (VV), nel mese di agosto i tecnici del Centro regionale strategia marina dell’Arpacal hanno rilevato in un tratto di costa rocciosa del versante tirrenico calabrese, la presenza della Patella ferruginea (Gmelin, 1791).

Il ritrovamento e’ avvenuto sulla costa dell’alto Tirreno cosentino su calcareniti (roccia sedimentaria formata da particelle calcaree) poco esposte al moto ondoso e ad un’altezza rispetto al livello di marea di circa 10 cm; per tutelare la biodiversita’ dei luoghi del ritrovamento, inoltre, i tecnici del Centro strategia marina dell’Arpacal hanno per ora preferito non divulgare il luogo esatto del ritrovamento. La Calabria si aggiunge alla Liguria, Sardegna e Lazio nello scenario della biodiversita’ mediterranea grazie al ritrovamento di questa specie.

“Questa specie predilige substrati granitici e calcarei – spiegano Rossella Stocco e Laura Pirrera che hanno coordinato le attivita’ di monitoraggio del Centro regionale strategia marina dell’Arpacal – la Patella ferruginea e’ un mollusco gasteropode endemico del Mediterraneo con un areale di distribuzione attualmente limitato a pochissime e ristrette zone del bacino occidentale”.

“La causa della sua rarefazione e’ dovuta sia al prelievo illegale che all’impatto antropico sull’ecosistema costiero e per questo motivo – hanno concluso Stocco e Pirrera – e’ considerata, tra gli invertebrati marini, la specie a piu’ alto rischio di estinzione del Mar Mediterraneo: e’ quindi protetta dalla legislazione comunitaria ed internazionale”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»