Argentina, la camera approva lo stato di ‘emergenza alimentare’

Approvata con 222 voti a favore e nessuno contrario una proposta di legge per rafforzare gli interventi a tutela delle categorie più vulnerabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Argentina verso lo stato di “emergenza alimentare”. A riconoscerlo la Camera bassa del Parlamento, che ha approvato con 222 voti a favore e nessuno contrario una proposta di legge per rafforzare gli interventi a tutela delle categorie più vulnerabili. Il testo prevede un aumento del 50 per cento dei fondi destinati a programmi per la nutrizione già per il prossimo anno. In seguito revisioni delle risorse necessarie dovrebbero essere effettuate ogni tre mesi. Nell’ultimo anno l’Argentina è stata interessata da un tasso d’inflazione a due cifre, pari ad agosto al 55 per cento rispetto allo stesso mese del 2018. Qualora la proposta di legge fosse approvata anche al Senato – il voto è previsto – lo stato di emergenza alimentare resterebbe in vigore fino al dicembre 2022. A sostenere l’introduzione delle norme straordinarie, pur chieste e auspicate in origine dall’opposizione, è stato anche il presidente Mauricio Macri. Il contesto è quello della campagna elettorale per il voto del 27 ottobre. Il capo dello Stato è ricandidato ma indietro nei sondaggi rispetto allo sfidante, il peronista Alberto Fernandez.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»