Malfunzionamento Tmb Malagrotta e tritovagliatore Rocca Cencia: otto a processo

Manlio Cerroni avrebbe ricavato ingenti e ingiusti vantaggi economici sia dal malfunzionamento dei due Tmb sia dal fatto che il tritovagliatore era stato messo in funzione in assenza di un’autorizzazione regionale.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ex patron del Colari, Manlio Cerroni, e altre sette persone sono state rinviate a giudizio dal gup del Tribunale di Roma in relazione a un’inchiesta del pm, Alberto Galanti, sul malfunzionamento dei due Tmb di Malagrotta (ora fermi per manutenzione) dal 2006 al 2013 e per la vicenda del tritovagliatore mobile installato nella primavera 2013 (Roma era commissariata per l’emergenza rifiuti) a Rocca Cencia. Secondo la Procura, Cerroni avrebbe ricavato ingenti e ingiusti vantaggi economici sia dal malfunzionamento dei due Tmb sia dal fatto che il tritovagliatore era stato messo in funzione in assenza di un’autorizzazione regionale.

Oltre a Cerroni, sono stati rinviati a giudizio anche Francesco Rando, all’epoca amministratore di E.Giovi (societa’ della galassia Colari e proprietaria dei fue tmb), l’allora direttore tecnico dei due Tmb di Malagrotta, Paolo Stella, l’ex dg di Ama Giovanni Fiscon, oltre a Piero Giovi (gestore di fatto della discarica di Malagrotta e dell’annesso gassificatore), l’ex presidente di Colari, Candido Saioni, l’ex capo del dipartimento Ambiente della Provincia di Roma, Claudio Vesselli, e Giuseppe Porcarelli, legale rappresentante dell’omonima ditta che ha ottenuto in affitto da Colari nel 2016 il ramo d’azienda relativo al tritovagliatore di Rocca Cencia. Il pm Alberto Galanti, contesta a vario titolo i reati di gestione abusiva di rifiuti, abuso d’ufficio e frode in pubbliche forniture. Regione Lazio, Roma Capitale e Ama sono parti civili, la prima udienza del processo sarà celebrata il 3 dicembre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»