Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma il primo skate park d’Italia aperto “a tutti”

A viale Kant inaugurata area anche per persone su sedia a rotelle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Acrobazie per tutti, skaters normodotati e persone con disabilità che potranno provare il brivido dei salti con 10 speciali sedie a rotelle gratuite messe a disposizione direttamente sul posto. E’ stato inaugurato questa mattina a Roma, in un’area verde lungo viale Kant, il BNKR Toyota Wheel Park, il primo skate park in Italia aperto davvero a tutti, atleti e appassionati di ogni disciplina su ruote: dai pattini alla Wcmx, dalle bici agli skate. L’area del Municipio IV è stata riqualificata grazie a Toyota Motor Italia, che ha creato strutture all’avanguardia, studiate appositamente per l’integrazione di persone con mobilità ridotta. Si tratta di un progetto europeo che si inserisce nel solco dell’iniziativa della casa automobilistica giapponese per assicurare la migliore libertà di movimento per tutti, in accordo con i valori dello sport e la partnership con il Comitato olimpico internazionale, il Coni e il Comitato italiano paralimpico. Non a caso, il claim scelto per diffondere la visione della mobilità a 360 gradi, senza discriminazioni o limitazioni, è ‘Start Your Impossible’. “Il nostro è un percorso di miglioramento continuo che inizia oggi da Roma- ha spiegato l’ad di Toyota Motor Italia, Mauro Caruccio- La prima città in cui realizziamo un’opera così significativa, anche dal punto di vista di riqualificazione dell’area, per poi continuare in tutta Europa”.

All’inaugurazione hanno preso parte anche i numeri uno del Coni e del Cip, Giovanni Malagò e Luca Pancalli. “Siamo orgogliosi che, in qualità di main partner del Cio, Toyota abbia scelto di investire nello sport italiano legandosi al Coni. E questa iniziativa- ha commentato Malagò- garantisce spazio e visibilità a una disciplina come lo skateboard, entrata nel programma olimpico di Tokyo 2020, offrendo una opportunità al territorio e lanciando un grande segnale di inclusione e accessibilità”.

Un messaggio colto anche dal presidente del Comitato paralimpico: “Da uomo di sport, da dirigente e da cittadino romano, non posso che apprezzare la nascita di questa area sportiva- ha spiegato Pancalli- che racchiude in sé innumerevoli significati, non ultimo quello di garantire pari opportunità di accesso”. E la Capitale “ha bisogno di interventi che sappiano restituire ai propri cittadini spazi destinati alla socializzazione e alla pratica sportiva integrata”.

Soddisfatto il sindaco di Roma, Virginia Raggi, che ha inviato un messaggio per l’occasione, ricordando come “lo sport a Roma deve essere alla portata di tutti e in tutte le zone della città, in modo particolare quando è rivolto anche a persone con ridotta mobilità”. Padroni di casa, Nicolò Mattia Cimini, vicepresidente BNKR -ASD Enjoy More, e Cecilia Carlino, segretaria tecnica, per i quali “grazie alla tangibile essenza della cultura skateboarding, speriamo che tutti, nuove e vecchie generazioni, abbiano qui la reale possibilità di vivere esperienze umane e sportive, di crescita personale e collettiva, che da sempre caratterizzano questo luogo e che da oggi saranno possibili, anche per chi non è ancora in grado di immaginarle”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»