Olimpiadi a Roma: la sindaca Raggi ci (ri)pensa

"È evidente che il modello che c'era prima non può più reggere dal punto di vista economico e di quello dell'impatto sulle città"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quello che ci sta mostrando l’andamento delle Olimpiadi è che anche altre città hanno rinunciato e altre hanno deciso di consorziarsi per riuscire a sostenere l’impegno olimpico. È evidente che il modello che c’era prima non può più reggere dal punto di vista economico e di quello dell’impatto sulle città. Se il Comitato deciderà di cambiare modello, molte città tra cui Roma potranno decidere di ospitare un evento così importante”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine della presentazione all’interno del Colosseo della seconda edizione della Rome Half Marathon Via Pacis.
“Ricordo- ha aggiunto Raggi- che oggi noi abbiamo all’interno dei 13 miliardi di debito ancora 1 miliardo da pagare per gli espropri delle Olimpiadi del 1960”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»