Vaccini, Raggi: “Questa norma crea bambini di serie A e di serie B. E favorisce asili abusivi”/VD

"Ciascun Comune e ciascuna Regione ha fatto intese con le Asl in maniera del tutto spontanea e differente, da un territorio all'altro", sottolinea Raggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In occasione del primo giorno di scuola ci sono stati dei bambini respinti, “non solo nelle scuole romane. Questo è il risultato di una normativa che è tutt’altro che chiara. Ciascun Comune e ciascuna Regione hanno disposto formulari e fatto intese con le Asl in maniera del tutto spontanea e differente, da un territorio all’altro”. Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, sulla questione dell’obbligo vaccinale per l’ammissione in classe dei bambini.

“Sembra che in alcune Regioni- ha aggiunto la prima cittadina a margine della presentazione della Mezza maratona Via Pacis- si sia verificato l’allontanamento dei bambini. Si sono quindi create, permettetemi la banalizzazione, zone con bambini di serie A e bambini di serie B, che è terribile. Tutto questo nel primo giorno di scuola che dovrebbe essere un momento felice ed importante nella vita dei bambini. Evidentemente il ministro non ha accolto quello che era il nostro invito”.


“NORMA CARENTE FAVORISCE SCUOLE E NIDI ABUSIVI”

“Vorrei ricordare al ministro Lorenzin che i bambini che non saranno ammessi a scuola di fatto rimarranno a carico delle famiglie, ma è impossibile quando i genitori lavorano. Quindi andranno a sistemarsi in scuole e nidi dell’infanzia abusivi, che noi abbiamo combattuto fin dal nostro insediamento. È una normativa assolutamente carente e che si presta a numerose interpretazioni, e gli effetti lo dimostrano”, dice Raggi. Il ministro della Salute “dice di averci risposto, in mattinata leggeremo la lettera. Certo che se le risposte sono quelle che ci ha dato ieri nel comunicato sono assolutamente insufficienti”, afferma ancora il sindaco di Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»