Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gaffe Di Maio su Facebook, Pinochet dittatore Venezuela poi corregge

Post subito modificato, ma la rete recupera l'originale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

dimaiofb

ROMA – Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, attacca ad alzo zero il premier Matteo Renzi. In un post dedicato alle vicende referendarie, infatti, paragona il presidente del consiglio al dittatore cileno Augusto Pinochet, ma commette una clamorosa gaffe: in una versione originale del post il regime militare del generale finisce in Venezuela.

La Rete, come sempre, non perdona. E subito i social rilanciano la versione ‘originale’ del post nella quale si legge “come ai tempi di Pinochet in Venezuela” e non “come ai tempi di Pinochet in Cile” (versione modificata).

Vero, non vero? Il mistero e’ presto svelato. Basta andare nel profilo facebook del parlamentare 5 stelle, aprire il post e cliccare su ‘visualizza cronologia delle modifiche’ e accanto alla versione modificata appare l’originale (vedi foto).

La deputata Pd Alessia Morani scrive su twitter: “A me fa tenerezza nella sua ignoranza. Non capisce le mail, parla di Pinochet il venezuelano #aiutatelo #Dimaio #m5s”.

Anna Ascani (Pd): “‘Come ai tempi di Pinochet in Venezuela’. Vabbe’”. Anche il senatore Pd Andrea Marcucci twitta: “Come Pinochet in Venezuela. Avevo ragione, Di Maio non sa dove si trovi il Cile! #Dimaioinpeggio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»