In Calabria obbligo mascherine e tampone per rientri da 4 paesi, chiuse discoteche e sale da ballo

È quanto prevede l'ultima ordinanza della Regione Calabria entrata in vigore da oggi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
REGGIO CALABRIA – In accordo con il governo nazionale e dopo aver interloquito con i ministri della salute e degli affari regionali, Francesco Boccia e Roberto Speranza, la presidente della Regione Jole Santelli ha firmato oggi l’ordinanza che di fatto, ai fini del contenimento della diffusione del virus Covid-19, sospende tutte le attivita’ che hanno attinenza con il ballo, quindi sale da ballo, discoteche e locali assimilati come i lidi balneari, all’aperto o al chiuso. Il divieto decorre da oggi e fino a tutto il 7 settembre 2020, ovvero a data antecedente qualora la curva dei contagi dovesse ritornare ad un livello compatibile con un rischio basso di trasmissibilita’ del contagio. Rimangono in vigore tutte le misure statali e regionali di contenimento del rischio di diffusione del virus gia’ vigenti, nel territorio regionale. 

MASCHERINE ANCHE ALL’APERTO E TAMPONE PER CHI RIENTRA DA 4 PAESI

Obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto e obbligo di tampone per chi rientra in Calabria da Croazia, Grecia, Repubblica di Malta o Spagna. È quanto prevede l’ultima ordinanza della Regione Calabria entrata in vigore da oggi. L’atto firmato dalla governatrice Jole Santelli mira a prevenire e contenere ulteriori contagi connessi ai rientri nel territorio regionale. Negli ultimi giorni si sono registrati aumenti di positivita’, soprattutto tra i giovani, con un focolaio a Reggio Calabria in fase ancora di analisi per ricostruire i contatti. LEGGI ANCHE:
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»