Coronavirus, in Puglia scatta l’obbligo di mascherine all’aperto e in discoteca

È quanto prevede l’ordinanza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che contiene misure "urgenti" per la gestione dell’emergenza Covid-19
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – A partire da giovedì 13 agosto in Puglia per chi ha più di sei anni sarà obbligatorio indossare la mascherina “in tutti i luoghi all’aperto in cui, a causa di particolari situazioni, anche collegate al maggiore afflusso di persone e turisti, non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro”. È quanto prevede l’ordinanza emendata in serata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che contiene misure “urgenti” per la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid 19.
Oltre ai bambini con meno di sei anni, potranno non usare la mascherina “soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina”. Possono essere usate “mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”. Sempre da oggi sarà obbligatorio usare le mascherine in “discoteche, sale da ballo e locali assimilati, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2 metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei locali”. I gestori e titolari dei locali “hanno l’obbligo di rilevare la temperatura corporea impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5 gradi, nonché di predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i clienti di altra nazionalità, sia mediante l’ausilio di apposita segnaletica e cartellonistica e/o sistemi audio-video, sia ricorrendo a eventuale personale addetto, incaricato di monitorare e promuovere il rispetto delle misure di prevenzione”.  “Le Prefetture competenti per territorio e i sindaci dei Comuni interessati provvedono a garantire i controlli nell’ambito delle rispettive competenze”, si legge nel provvedimento.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»