Vitalizi, Agenzia Entrate blocca conto in banca di Ilona Staller a Montecitorio

Ma il Fisco smentisce: "Non c'e' stato alcun pignoramento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Agenzia delle Entrate ha pignorato il vitalizio di Ilona Staller. In seguito a un contenzioso tra il Fisco e l’ex parlamentare – si parla di un mancato pagamento di circa 100mila euro di cartelle esattoriali – è stato bloccato il suo conto all’interno della banca di Montecitorio, dove viene versato quanto maturato dalla ex deputata del Partito Radicale. Un provvedimento ritenuto illegale dall’avvocato Luca Di Carlo, che difende Ilona Staller fin dal famoso e vittorioso processo contro l’ex marito Jeff Koons e che ha dato la notizia del ‘congelamento’: “Il vitalizio non può essere pignorato o sequestrato per intero, come invece ha fatto l’Agenzia delle Entrate, ci sono dei limiti di legge. Quindi quanto le è stato congelato va restituito, tranne per 1/5. E c’è anche una gravissima responsabilità dell’Amministrazione parlamentare e della banca, che hanno permesso questo orrore anticostituzionale”. Per il legale, conosciuto anche come ‘l’avvocato del Diavolo’, può sussistere “il reato di appropriazione indebita. E adesso deciderà la magistratura”. Perché la Staller è pronta a fare causa, con anche “la richiesta di un risarcimento milionario per i danni subiti- conclude il suo legale- poiché è stata privata dei mezzi di sussistenza”.

Ma il Fisco smentisce

Non c’e’ stato alcun pignoramento del conto corrente di Ilona Staller come annunciato dal suo legale. E’ quanto si apprende da fonti dell’Agenzia delle entrate-Riscossione.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»