Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il sindaco Pd di Capalbio sulle barricate per non ospitare i migranti nelle ville vip

Proteste per la decisione della prefettura di destinare 50 migranti in una struttura al centro della localita' turistica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Migranti Tendone

ROMA – Proteste a Capalbio per la decisione della prefettura di destinare 50 migranti in una struttura al centro della localita’ turistica. Il sindaco Luigi Bellumori, in un’intervista al Corriere della sera, protesta: “Sono del Pd, diamine. Bisogna accogliere, per carità. Ma queste sono ville. E di gran lusso. Con giardino. Finemente arredate. Nel centro storico”, dice Bellumori e ricorda che “per un cittadino di Capalbio ho 31,28 euro l’anno da destinare allo stato sociale. A un poveraccio sfrattato non posso pagargli una stanza. E per queste persone, dallo status da accertare, se ne spenderanno 33,50 al giorno. Il problema è la concentrazione nell’area più residenziale della perla della Maremma che, come Capri e Portofino, attrae turismo culturale. In 19mila ettari bisognava metterli proprio là?” Il leader della Lega Nord Matteo Salvini, su facebook, dalla vicenda trae argomenti a sostegno alle proprie tesi. “Capito come cambiano idea sui ‘migranti’, quando se li ritrovano nella loro località Vip, Pd, buonisti milionari e radical-chic??? Ipocriti!”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»