Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’astronauta Cheli sprona gli over 60 a vaccinarsi: “Torniamo alla vita di prima”

astronauta
Il primo italiano nel ruolo di mission specialist a bordo dello Space Shuttle Columbia fa un appello ai coetanei: "Immunizzatevi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – “Ho avuto la fortuna di coronare un mio sogno da bambino e volare nello spazio. Ora mi rivolgo a tutti voi della mia generazione, a voi che avete più di 60 anni: vaccinatevi contro il Covid come ho già fatto io, e torniamo tutti al più presto alla nostra vita di prima”. È l’appello alla vaccinazione che arriva dall’astronauta di Zocca Maurizio Cheli, che punta ad arrivare “al cuore”, dice, di chi ha seguito le sue imprese. Classe 1959, nel 1996 Cheli partecipò ad una missione spaziale a bordo dello Space Shuttle Columbia, primo italiano a ricoprire il ruolo di mission specialist.

Aggiunge Silvana Borsari, direttrice sanitaria dell’Ausl: “Se il personale sanitario è quello che può rispondere in maniera esaustiva e competente a tutte le domande sull’efficacia e la sicurezza della vaccinazione, è vero che ciascuno di noi può testimoniare in prima persona una scelta fatta per la protezione di sé stessi e degli altri. Ringrazio Maurizio Cheli- evidenzia Borsari- che ci ha regalato questo video, che è anche una bella dimostrazione di vicinanza ai nostri operatori”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»