Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Via al Rome Summit del Woman20, Casellati: “Parità di genere fondamentale per dare slancio al paese”

Al via l'engagement group del G20 dedicato alla parità di genere, che promuove l'attuazione di politiche dedicate alle donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al via il Rome Summit del Woman20 l’engagement group del G20 dedicato alla parità di genere, che promuove l’attuazione di politiche dedicate alle donne.
“L’unione delle donne deve essere ottenuta al di là delle differenze e l’unità deve servire anche per migliorare le condizioni delle donne più vulnerabili, più sfruttate, private di diritti e multidiscriminate – ha dichiarato Linda Laura Sabbadini, Chair del Women20, durante la giornata di apertura del Summit W20, intervenuta dopo la Head of Delegation del W20 Italy, Elvira Marasco, e la Sherpa del W20, Martina Rogato. “Il G20 può fare la differenza – ha proseguito Sabbadini – indicando la strada dell’empowerment femminile e dando spinta ai governi verso l’uguaglianza di genere. Il W20 chiede ai governi di varare un piano entro tre anni per il cambiamento culturale contro gli stereotipi di genere, partendo dai bambini e dall’educazione, fino alla formazione”.

LEGGI ANCHE: G20, dal 13 al 15 luglio il ‘Rome Summit del Woman20’ dedicato alla parità di genere

La presidenza italiana del G20 “sta facendo un lavoro importante. È stata varata la road map per l’uguaglianza di genere. È ormai dimostrato che la crescita dell’occupazione femminile fa aumentare il Pil e anche la produttività. Contribuiamo a ridisegnare una nuova visione del mondo, puntando sulla strategia educativa e sul cambiamento culturale a tutti i livelli, con la valorizzazione delle competenze femminili in tutti i campi. È una vera scommessa – ha continuato la Chair del W20 – ma le donne possono vincerla, se saranno unite e solidali, e se si uniranno agli uomini che hanno compreso il valore delle loro proposte. I governi devono investire di più sulla cura.

Le infrastrutture sociali devono avere la stessa importanza di quelle economiche, dai servizi educativi per l’infanzia ai servizi per gli anziani non autosufficienti per i disabili e per tutte le persone che ne hanno bisogno. Il lavoro di cura non retribuito deve essere redistribuito nella coppia, tramite i congedi di paternità e altre facilitazioni, e deve essere redistribuito nella società tramite i servizi. Bisogna una volta per tutte investire nell’economia della cura”.

A seguire, è intervenuto il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, sostenendo che “il tema della parità di genere va affrontato sotto ogni punto di vista. Io ho imparato a organizzare il processo di selezione per evitare discriminazione, nominando 2 donne su 3 posizioni. Questo pregiudizio si riversa nelle parole, ma soprattutto nell’economia. Noi gestiremo 62 mld del Pnrr – ha dichiarato il ministro – e creeremo uno stimolo per il riequilibrio del settore delle costruzioni, a predominanza maschile. Per combattere questa tendenza abbiamo deciso di dare incentivi speciali. Servono poche decisioni che cambino radicalmente il sistema”.

CASELLATI: “PARITÀ DI GENERE FONDAMENTALE PER DARE SLANCIO AL PAESE”

“In un mondo in grande cambiamento, in questa società post pandemica, il tema della parità di genere diventa sempre più fondamentale. Oggi abbiamo l’opportunità di dare slancio alla ripresa economica e sociale del paese, includendo la prospettiva di parità”. Sono le parole della Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberto Casellati, intervenuta questa mattina al Summit del Women20.

“In 18 paesi del G20 – ha continuato – le donne continuano ad essere pagate oltre il 15% in meno degli uomini e solo il 55% delle donne è coinvolto nel mercato del lavoro rispetto al 71% degli uomini, ci sono ancora troppi pregiudizi culturali che impediscono al mondo femminile di esprimere il talento e i meriti. Il lavoro che il vertice porta avanti “rappresenta un contributo fondamentale con l’individuazione delle tre priorità strategiche: lavoro, imprenditorialità femminile e digitale”. Importanti sono, inoltre, i focus che il W20 ha deciso di dedicare alla violenza sulle donne e bambine, e sulla sostenibilità. Abbiamo bisogno di un’autentica svolta culturale e di politiche attive che cambino radicalmente l’accezione della donna ed il rapporto tra i sessi”.

VON DER LEYEN: “TRISTE SAPERE CHE AL G20 POTREI ESSERE L’UNICA DONNA”

Successivamente, è intervenuta la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, che in un videomessaggio ha dichiarato: “È triste sapere che al G20 io potrei essere l’unica donna. Abbiamo bisogno delle migliori idee al livello politico per dare le giuste opportunità a tutte le donne. Dobbiamo investire di più nell’istruzione, infatti più di 11 milioni di bambini possono essere costretti all’abbandono scolastico. Al G7 ho annunciato che la CE aumenterà di un terzo i fondi stabili per l’istruzione, raggiungendo i 100 milioni”.
Un altro tema su cui porre l’accento, secondo la Presidente della Commissione UE, è l’occupazione femminile. “Non è vero – sostiene – che dobbiamo scegliere tra la carriera e la famiglia. Conosco gli ostacoli, ma dobbiamo pretendere un accesso equo al mondo del lavoro e poter allo stesso tempo crescere i nostri bambini. Per raggiungere la parità entro il 2030, abbiamo bisogno dei pagamenti dei congedi parentali, di consolidare l’assistenza per l’infanzia e per gli anziani. Questi sono gli investimenti che dobbiamo fare per una ripresa solida e sostenibile. Con il contributo del W20 riusciremo a gettare la base per rappresentare gli uomini e le donne in maniera equa sia nel lavoro sia nella famiglia”.

BONETTI: “PROMUOVERE EMPOWERMENT FEMMINILE”

“La pandemia, oltre ad amplificare tutte le disuguaglianze già presenti, ha acceso i fari sulle strategie e sulle energie che possiamo mettere in campo per riequilibrare il mondo, dando finalmente vitalità al protagonismo femminile”. Così è intervenuta il Ministro per le Pari Opportunità e per la Famiglia, Elena Bonetti, al Summit del Woman20. “Le donne non sono una minoranza da includere, – prosegue Bonetti – ma sono persone capaci di portare un’energia necessaria per riattivare il sistema. Serve una visione strategica e comprensiva. Il potere è la possibilità di agire, ed oggi le donne sono pronte ad avere il potere. Stiamo provando ad attuare un cambio strutturale delle politiche sociali attraverso la riforma del Family Act, volta a promuovere l’empowerment femminile, considerata la leva del futuro sui fronti economici e culturali”.

All’evento ha partecipato il Ministro della Salute, Roberto Speranza, dichiarando: “La battaglia di fondo del W20 è ancora da vincere in ogni parte del mondo, anche in Italia facciamo quotidianamente i conti con queste arretratezze culturali. Per combattere questa pandemia è necessario abbattere qualsiasi tipo di disuguaglianza nel mondo. Il vaccino, infatti, non può esser considerato un privilegio di pochi, ma è un diritto di tutti, anche dei più fragili. Non possono essere le tabelle dei nostri uffici di bilancio a decidere quanto diritto alla salute possiamo garantire, che è un bene inalienabile. Nel Servizio Sanitario Nazionale del futuro – sottolinea Speranza – bisogna assumere un punto di vista di genere, rafforzando la medicina di genere e riportando al centro l’idea dell’universalità. Tutto ciò può diventare una lente d’ingrandimento attraverso cui analizzare tutto il servizio nazionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»