Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Women in Comics’, a Napoli la mostra delle grandi fumettiste americane

Women-in-Comics_alta
Alla Fondazione Foqus dei Quartieri Spagnoli fino al 31 ottobre. Venerdì 16 luglio la presentazione della collettiva promossa dall'Ambasciata degli Stati Uniti in Italia e co-prodotta da ARF! Festival e Comicon
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Da New York, passando per Roma, sbarca a Napoli la mostra Women in Comics. Dopo Palazzo Merulana tocca infatti alla Fondazione Foqus dei Quartieri Spagnoli ospitare la collettiva promossa dall’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia e co-prodotta da ARF! Festival e Comicon.
L’esposizione, dedicata a ventidue artiste statunitensi, è curata da Kim Munson e da Trina Robbins e sarà presentata al pubblico venerdì 16 luglio alle ore 19 con la partecipazione della Console Generale degli Stati Uniti d’America Mary Avery, di Rachele Furfaro di Foqus e di Claudio Curcio, direttore generale di Comicon.
Per l’occasione sarà organizzata anche una visita guidata della mostra seguita dalla proiezione di She Makes Comics, “la storia mai raccontata delle donne nell’industria dei fumetti”, un documentario della regista Marisa Stotter (Respect Films, 2014).

“Questa mostra – sottolinea Munson – è una rappresentazione dell’eterogeneità e varietà delle donne che lavorano nella Nona Arte e dei molteplici generi su cui queste autrici lavorano come l’autobiografico, le storie per bambini, supereroi, fantasy epico, medicina, design e graphic novel”.

Dalle tavole della vera icona del fumetto underground Trina Robbins, prima fumettista della storia a disegnare Wonder Woman per una major come la DC Comics, alle opere di Afua Richardson e Alitha Martinez (entrambe autrici afroamericane e attiviste, vincitrici dell’Eisner Award per il loro lavoro su World of Wakanda della Marvel, dai lavori di Colleen Doran (che ha disegnato sui testi di sceneggiatori del calibro di Neil Gaiman e Alan Moore) a quelli di Emil Ferris, il cui graphic novel La mia cosa preferita sono i mostri (pubblicato in Italia da Bao Publishing) è diventato un vero successo editoriale di critica e pubblico, premiato come miglior Graphic Novel straniero ai Premi Comicon 2019 e anche con il Fauve d’Or al Festival Internazionale di Angoulême come Miglior fumetto dell’anno del 2018, da Ebony Flowers (autrice di Hot Comb, considerato da Guardian, Washington Post e Believer uno dei migliori libri del 2019) a Trinidad Escobar (fumettista e poetessa filippina di San Francisco, dove insegna al California College of the Arts), da Tillie Walden (Su un raggio di sole, Bao) a Jen Wang (Il Principe e la sarta, Bao) e tante altre.

Tutto questo sarà Women in Comics. La mostra, visitabile fino al 31 ottobre, si affianca a Comicon Extra, il progetto di promozione della cultura del fumetto su tutto il territorio campano nato su iniziativa di Comicon grazie alla collaborazione della Regione Campania.

LEGGI ANCHE: Da New York arriva a Roma la mostra ‘Women in Comics’

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»