Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Figliuolo: “Possibile green pass per i ristoranti come in Francia”

Imagoeconomica_Francesco Paolo Figliuolo
Sulla terza dose: "Siamo organizzati per poter fare il richiamo a tutta la popolazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Utilizzare il green pass per eventi, come ristoranti e trasporti come si è deciso in Francia? Può essere una strada percorribile”. Lo dice il Generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza Covid, intervenendo al Tg2 Post. E sul vaccino, il generale annuncia: “La settimana scorsa ho avuto una riunione con il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti sul vaccino italiano, prodotto da Reithera. Si sta aspettando il passaggio dalla seconda alla terza fase di sperimentazione e si aspetta una formalizzazione da parte dell’Ema. Potranno poi produrre nel giro di 4-5 mesi. Sempre con il Mise – anticipa il commissario – si sta lavorando per una produzione di vaccini a Rna per produrli su licenza in Italia”.

“PRONTI PER LA TERZA DOSE”

“Siamo attrezzati per la terza dose, insieme al ministero della Salute ci siamo approvvigionati con tutte le dosi di vaccino necessarie- ha aggiunto Figliuolo-, utilizzeremo al massimo i farmacisti, i pediatri, i medici, per andare in una logica strutturale, chiudendo invece gli hub. Siamo organizzati per poter fare il richiamo a tutta la popolazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»