fbpx

Tg Lazio, edizione del 13 luglio 2020

RIFIUTI, PROCURA DI ROMA SEQUESTRA SEZIONE TMB ROCCA CENCIA

La Procura di Roma ha stabilito il sequestro di una parte del Tmb Rocca Cencia di Ama e ha contestualmente nominato amministratore giudiziario Pierluigi Palumbo, attualmente amministratore giudiziario anche del Colari e quindi anche dei due tmb che si trovano accanto alla discarica di Malagrotta. La sezione dell’impianto di trattamento meccanico biologico sequestrata è quella relativa alla stabilizzazione della parte umida del rifiuto indifferenziato. Il sequestro è stato operato questa mattina dai Carabinieri del Noe sulla base di un provvedimento del Gip del Tribunale di Roma, richiesto dalla Procura, dello scorso 10 luglio. L’impianto continua a lavorare.

TRASPORTI, LINEA C VENEZIA-CLODIO COMMISSARIATA ENTRO SETTEMBRE

Il Comune di Roma chiederà al Governo il commissariamento della tratta Venezia-Clodio della linea C “con il decreto Semplificazione, ed entro l’approvazione del Documento di Economia e Finanza che il Governo presenterà a settembre”. La conferma è arrivata a margine della commissione capitolina Mobilità, in occasione di un dialogo, che si è svolto alla presenza dell’agenzia Dire, tra l’assessore ai Trasporti del Comune, Pietro Calabrese, e l’Avvocatura comunale, nella persona dell’avvocato capo Luigi D’Ottavi. Intanto, durante la stessa commissione, Calabrese ha reso noto che entro ottobre sarà chiesto al Mit il finanziamento della nuova linea tranviaria Termini-Vaticano-Aurelio.

NO LINEE GUIDA SU NIDI: MUNICIPIO II PRONTO A MOBILITAZIONE

Municipi in agitazione per lo stallo e la mancanza di linee guida governative sulla riapertura degli asili nido a settembre. A lanciare l’allarme è la presidente del Municipio II, Francesca Del Bello, che si è detta pronta alla mobilitazione. “Il Dipartimento scuola non ha ancora pubblicato le graduatorie e i genitori non sanno, a poco più di un mese dal primo settembre, se potranno contare sulle strutture pubbliche e convenzionate per i propri figli. La situazione sta diventando esplosiva aumentando la precarietà in una fase già complessa- ha spiegato Del Bello- Abbiamo atteso pazientemente ma questo silenzio sta diventando insostenibile”.

ROMA, IL FUTURO DELL’EX CINEMA MAESTOSO E’ A RISCHIO

Il futuro dell’ex cinema Maestoso di via Appia Nuova, il multisala piu’ antico di Roma, e’ avvolto dall’incertezza piu’ totale. A distanza di due anni dalla chiusura e dalla presentazione da parte della proprietà del progetto di riqualificazione della struttura ideata dall’architetto Riccardo Morandi, la situazione e’ in una fase di stallo: dopo una prima frenata dovuta al crollo del ponte di Genova, che ha portato a un supplemento di indagini sulla tenuta statica dello storico edificio, e il passaggio di mano ai nuovi proprietari, l’emergenza coronavirus rischia di far tramontare definitivamente la possibilita’ di portare a nuova vita lo storico cinema romano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

13 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»