VIDEO | Regionali Campania, Ciarambino: “De Luca trincerato dietro i sondaggi”

Lo sostiene Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle e candidata alla presidenza della Regione Campania
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Mi fa piacere che Caldoro abbiamo accettato il mio invito a un confronto pubblico, mi aspetto che lo faccia anche De Luca. Non puo’ trincersi dietro i sondaggi e la forza conquistata calcando in solitaria il palcoscenico mediatico durante l’emergenza“. Lo dice Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle e candidata alla presidenza della Regione Campania. Gli sfidanti De Luca e Caldoro “devono confrontarsi con i cittadini e non in solitaria. Io – dice l’esponente M5s a margine di una riunione del Consiglio regionale – sono pronta a confrontarmi e ribattere alle grandi bugie che dicono su quello che non si e’ fatto in Campania”. 

COMUNALI 2021 A NAPOLI, CIARAMBINO: “FICO CANDIDATO? NON NE SO NULLA”

“Lo leggo sulla stampa, non ne so nulla. Non so di incontri o riunioni in questi termini, non credo ci siano stati”, dice la capogruppo M5s in Regione Campania e candidata governatrice Valeria Ciarambino commentando le ipotesi di una candidatura del presidente del presidente della Camera Roberto Fico alle elezioni comunali del 2021 a Napoli con un accordo tra il Movimento 5 Stelle e il Partito democratico. “Roberto Fico – aggiunge Ciarambino a margine di una riunione del Consiglio regionale – sta svolgendo il suo ruolo egregiamente. Credo che dovremmo utilizzare quest’anno che ci separa dalle prossime elezioni comunali per fare rete con le realta’ di valore che ci sono sul territorio napoletano, e non improvvisare alleanze dell’ultimo minuto. La vera alleanza si fa con i cittadini e le realta’ civiche”.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»