VIDEO | Droga, lo psicologo: “Gli adulti devono dare una via d’uscita ai giovani”

A dirlo è Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO) e psicoterapeuta dell'età evolutiva, che spiega come affrontare e risolvere il problema di un figlio che fa uso di sostanze stupefacenti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “I ragazzi sanno tutto della droga ed è vero che ne ignorano le conseguenze. Allo stesso tempo noi adulti sappiamo che ne fanno uso per poter stare nel gruppo ed essere inclusi. Quindi, la prima cosa da fare è avvisarli che ne siamo a conoscenza e, subito dopo, offrirgli una via di uscita. Questo per evitare tragedie come quella di Terni, con i due adolescenti morti dopo aver assunto metadone”. A dirlo è Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) e psicoterapeuta dell’età evolutiva, che spiega come affrontare e risolvere il problema di un figlio che fa uso di sostanze stupefacenti. “I ragazzi quando commettono delle stupidaggini– continua lo psicoterapeuta- devono avere un adulto con cui riferirsi e che faccia da filtro con i genitori, per aiutarli a superare un problema prima che diventi un dramma. Con il nostro Istituto e grazie all’ascolto psicologico on line- prosegue il direttore dell’IdO- abbiamo ricevuto migliaia di richieste di aiuto da parte degli adolescenti. Questo sono riusciti ad aprirsi e ad ascoltare proprio perchè hanno trovato persone competenti ed estranee alla famiglia”.

Lo psicologo rivolge, infine, la sua attenzione proprio agli adulti: “Devono stringere un patto tra loro quando accadono situazioni del genere- spiega Castelbianco- perché non ci deve essere ribellione o scontri con i figli ma accoglienza. I ragazzi devono poi essere seguiti dalle persone competenti per risolvere il problema. Noi adulti abbiamo il compito e l’obbligo di salvarli dalle stupidaggini che commettono, senza ramanzine ma attraverso l’aiuto degli specialisti. Così facendo, potremmo evitare droga, suicidi e altri comportamenti a rischio. I giovani- conclude Castelbianco- sono molto più soli di quello che possiamo immaginare, hanno bisogno del nostro aiuto per garantirgli il futuro e dobbiamo assolverli dalle sciocchezze che fanno“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»