Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Consiglio regionale approva il conto consuntivo del 2015

ROMA - Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Pisana_consiglio_regionale_lazioROMA – Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Daniele Leodori, ha approvato il conto consuntivo del Consiglio regionale relativo all’anno 2015, che registra un calo, rispetto all’anno precedente di circa 6milioni di euro.

Le spese della Pisana passano dai 60.369.000 euro del consuntivo 2014 ai 53.941.821 del 2015 al netto dei 20.413.000 euro per la definizione dei precedenti avanzi di amministrazione. Secondo il presidente del consiglio regionale Leodori, “L’approvazione da parte dell’Aula del conto consuntivo 2015 segna un altro passaggio importante nel percorso di razionalizzazione e revisione dei costi del Consiglio regionale, iniziato fin dall’insediamento nel 2013”.

“Il totale delle uscite per il funzionamento della Pisana- ha spiegato il presidente- ammonta a 53,9 milioni di euro, pari rispettivamente alla meta’ dei 103,5 milioni dell’ultimo consuntivo approvato nella scorsa legislatura (quello relativo al 2011) e a circa un terzo in meno del consuntivo 2012 (76,6 milioni). Il risultato di Una potente cura dimagrante che non si fermera’ e che consente di annoverare l’Assemblea regionale del Lazio tra le piu’ virtuose d’Italia”.


In giornata, con la relazione dell’assessore della Regione Lazio alle Politiche sociali, Rita Visini si è anche aperta la discussione generale sulla proposta di legge di riforma del welfare. Si tratta di un testo di iniziativa di Giunta, composto da 71 articoli, ispirato ai principi della legge quadro nazionale 328/2000 sulle politiche sociali, discusso alla Pisana dopo un lungo ciclo di audizioni tenute a partire dai primi mesi dall’insediamento della nuova legislatura. L’obiettivo della riforma e’ definire un modello di welfare regionale piu’ aperto alla partecipazione dei soggetti pubblici e privati che operano nel sociale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»