Migranti, la Caritas si appella alla Ue: “Rispettare dignità umana a Ventimiglia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Mar Egeo, Grecia – Greenpeace insieme a MSF durante un’operazione di salvataggio di migranti diretti in Europa. ©Will Rose/MSF/Greenpeace

ROMA – Un appello congiunto di Caritas Europa, Caritas italiana e Secours catholique-Caritas Francia ai rispettivi governi e all’Ue perchè sia rispettatala dignità umana messa a repentaglio a Ventimiglia“, dove le strutture cattoliche legate alla diocesi stanno offrendo assistenza, da inizio giugno ad oggi, ad almeno 5.000 migranti, tra cui donne incinte, bambini e neonati, in maggioranza sudanesi, eritrei ed etiopi, bloccati alle frontiere tra Italia e Francia.

La Caritas di Ventimiglia è riuscita a fare azione di lobby per ottenere, entro pochi giorni, almeno la riapertura del centro di accoglienza temporaneo che potrà ospitare 180/200 migranti tra i circa 1.000 che dormono in strada, ma “la situazione rimane terribile– affermano le tre realtà- e richiede azione immediata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»