Amnesty: In Egitto scomparsi e torturati, repressione senza fine

ROMA - Le sparizioni forzate sono utilizzate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regeni barcellona

ROMA – Le sparizioni forzate sono utilizzate in Egitto come strumento per reprimere il dissenso: la denuncia è’ contenuta in un rapporto diffuso oggi da Amnesty International, intitolato ‘Officially you do not exist‘.

DA QUANDO GHAFFAR E’ MINISTRO CI SONO STATE CENTINAIA DI SPARIZIONI

giulio regeniSecondo l’ong con sede a Londra, da quando nel marzo 2015 Magdy Abdul Ghaffar è divenuto ministero dell’Interno, centinaia di persone, anche minorenni, sono state vittima di sparizioni forzate e torture da parte delle forze dell’ordine. Studenti, attivisti politici e manifestanti sarebbero stati incarcerati per mesi, bendati e ammanettati, senza che le loro famiglie sapessero nulla. Nel rapporto è citato il caso del ricercatore italiano Giulio Regeni, torturato e ucciso dopo essere stato fermato al Cairo.

di Vincenzo Giardina, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»