Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sparatoria vicino Roma: uccisi due bambini e un anziano, trovato morto l’omicida

carabinieri ardea
Il fatto ad Ardea. Le vittime di 3, 8 e 76 anni. L'autore della sparatoria, 34 anni, trovato morto dopo un blitz dei Carabinieri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono morti i due bambini vittime di colpi di arma da fuoco ad Ardea, alle porte di Roma, sparati da un uomo del posto di 34 anni. Oltre ai due minori, di 5 e 10 anni, è stato colpito anche un anziano anch’egli deceduto. Dopo circa tre ore, i reparti speciali dei Carabinieri hanno fatto irruzione nella casa dove si era asserragliato il presunto assalitore, trovandolo privo di vita: l’ipotesi più probabile è quella del suicidio.

I due fratellini stavano giocando in un parco ad Ardea, a pochi metri da casa. In quel punto esatto passava in bicicletta anche l’uomo di 76 anni, anch’egli colpito e ucciso. Prima dell’irruzione degli uomini del Gruppo di intervernto speciale (Gis) dei Carabinieri, c’erano stati contatti tra l’assalitore e i carabinieri della Compagnia di Pomezia con l’ausilio della madre del sospettato che si trovava all’esterno dell’edificio insieme agli agenti.

L’ANNUNCIO DEI DECESSI DATO DALL’ASSESSORE REGIONALE D’AMATO

“Ho ricevuto ora una telefonata che non avrei mai voluto avere, il Direttore Sanitario dell’Ares 118 mi ha appena comunicato che i medici soccorritori stanno facendo la constatazione di decesso per entrambi i bambini. Il primo a non farcela è stato il più piccolo, poi purtroppo è mancato anche il secondo bambino. Gli operatori intervenuti sul posto hanno impiegato tutti gli sforzi possibili per salvare le vittime con ripetuti tentativi di rianimazione, ma la situazione è apparsa fin da subito compromessa. Sono profondamente scosso per l’accaduto ed esprimo tutto il mio rammarico e le più sentite condoglianze ai familiari e all’intera comunità di Ardea che oggi vive un terribile lutto per questa tragedia”. Lo comunica in una nota l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»