Scuola, Regioni: “Iniziare il 14 settembre, no a slittamento a fine mese”

Se venisse confermata la data del 20 settembre per l'election day, dicono le Regioni, "la cosa migliore sarebbe trovare alternative sulle sedi dei seggi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La scuola deve partire in presenza e in sicurezza, le linee guida sono urgentissime, noi proponiamo di iniziare il 14 settembre“. Così l’assessora regionale della Toscana, Cristina Grieco, coordinatrice della commissione Scuola della conferenza delle Regioni, a SkyTg24. La assessora spiega che “le regioni hanno chiesto di votare nei primi quindici giorni per evitare uno slittamento dell’inizio dell’anno scolastico“.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Qualcuno ci dica quando si andrà a votare: con le scuole è un casino”

“SE ELEZIONI IL 20, VOTARE FUORI DALLE SCUOLE”

Le regioni per quest’anno hanno fatto “un gesto di responsabilità: vogliamo iniziare tutti lo stesso giorno, noi proponiamo il 14 settembre”. Se, osserva, “sarà confermata la data del 20 settembre per l’election day la cosa migliore sarebbe trovare alternative sulle sedi dei seggi, per non dover chiudere tutte le scuole, in caso contrario siamo assolutamente contrari a uno slittamento delle lezioni a fine settembre“. Rispetto alla possibilità di anticipare invece le lezioni a inizio settembre Grieco sottolinea che “le prime due settimane saranno necessarie per organizzare l’avvio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»