FOTO | Blog stelle: “Ecco come Calenda ha distrutto il Mercatone Uno”

Il Blog delle Stelle pubblica le foto della sede maltese della Shernon Holding, la società che ha comprato il Mercatone Uno e poi è fallita: "È società fantasma, Calenda ci è cascato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il 24 maggio 2019 scorso il Tribunale di Milano ha dichiarato il fallimento della Shernon Holding, la società maltese a cui l’ex Ministro Carlo Calenda aveva ceduto la Mercatone Uno nel 2018. In appena otto mesi di nuova gestione la società aveva accumulato oltre 90 milioni di passivo. Ma come si è giunti a questo disastro?”. Lo scrivono i 5 stelle in un post sul Blog delle Stelle dal titolo ‘Immagini inedite: ecco come Calenda ha distrutto Mercatone Uno!’.

“Per capirne la portata bisogna partire dalle immagini inedite che mostrano la sede della società maltese a cui Carlo Calenda ha ceduto la Mercatone Uno. Eccole”, aggiungono i pentastellati che pubblicano sul blog uan serie di fotografie. E spiegano: “L’immobile che si vede potrebbe sembrare un umile appartamento di una normale famiglia, non certo la sede di una società multinazionale che avrebbe dovuto prendersi cura di 1.800 lavoratori rilanciando un marchio storico come Mercatone. In pratica il competentissimo Calenda ha ceduto la Mercatone Uno a una società ‘fantasma’ con sede a Malta, un noto paradiso fiscale, e senza richiedere le garanzie minime. E come si è giustificato per questo disastro annunciato? ‘Potevo farla fallire oppure provare con questo investitore’, ha detto”.

Per il M5s “non ci sono scuse per l’ex ministro, anche perché secondo il Tribunale fin dall’inizio dell’aggiudicazione la Shernon dimostrava la sua debolezza a causa di scarse risorse finanziarie. Un caso simile lo abbiamo visto all’Ilva, dove Calenda ha firmato il contratto di cessione ad ArcelorMittal senza neanche consultare i sindacati”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»