Roma, dal 29 giugno al via il percorso dei Fori uniti

D'ora in poi basterà un solo ticket per visitare il Foro romano e i Fori Imperiali. Lo prevede un protocollo d'intesa tra il Mibac e Roma Capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “D’ora in poi basterà un solo ticket per visitare il Foro romano e i Fori Imperiali. Lo prevede un protocollo d’intesa tra il Mibac e Roma Capitale: per la prima volta da sabato 29 giugno cittadini e turisti potranno scoprire un percorso inedito mai realizzato finora, frutto del lavoro avviato nei mesi scorsi dal ministero, dal Comune, dal Parco archeologico e della Sovrintendenza capitolina.

Il protocollo dà il via a una fase sperimentale fino al 31 dicembre di fruizione integrata dell’area del Foro Romano-Palatino insieme ai Fori Imperiali, che dovrebbe poi andare a regime dal 2020 consentendo per la prima volta l’apertura al pubblico dell’area del Foro Romano-Palatino insieme ai Fori Imperiali con un unico ticket da 16 euro valido per l’intera giornata.

BONISOLI: FORI UNITI PRIMO STEP CENTRAL PARK ARCHEOLOGICO

“Questo è il primo step, ma si va avanti e mi piacerebbe che questo approccio si allargasse ad altre realtà come i Mercati di Traiano e il Circo Massimo, ma ci sono diverse situazioni che possono essere aggiunte per realizzare il sogno di tutti che è avere un enorme Central park archeologico, di cui tutti possono usufruire, utilizzando le massime forme di gratuità che ci concederanno i nostri controllori”. Così il ministro dei Beni e delle Attività culturali, Alberto Bonisoli, in occasione della presentazione del nuovo percorso che unisce Foro romano e Fori Imperiali.

RAGGI-BERGAMO: AUSPICIO ARRIVARE A CARACALLA

Per la passerella che unirà i Mercati di Traiano ai Fori Imperiali “serviranno 200mila euro”. Lo ha spiegato la sovrintendente di Roma Capitale, Maria Vittoria Marini Clarelli, in occasione della presentazione del nuovo percorso che unisce i Fori imperiali al Foro romano e Palatino.

Al momento il percorso, che durerà circa due ore e sarà fruibile dal 29 giugno a 16 euro, comprende l’area tra Curia Iulia, Foro di Cesare, Foro di Nerva e Foro di Traiano, ma senza il Foro di Augusto. “È un problema tecnico, ma in prospettiva ci sarà”, ha spiegato la sovrintendente”.

L’idea di Stato e Campidoglio è di allargare l’area a partire dai Mercati di Traiano fino ad arrivare al Circo Massimo. “Ma il sogno è comprendere anche altri pezzi di patrimonio, come Caracalla”, ha aggiunto il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo.

Le Terme di Caracalla sono un sito statale non compreso nel Parco archeologico del Colosseo, ma in capo alla Soprintendenza speciale di Roma, guidata da Francesco Prosperetti. “Credo che anche il soprintendente Prosperetti non abbia nulla da obiettare- ha osservato Bergamo- anche perché la fruizione di Caracalla è significativamente minore rispetto ai sito del percorso Fori e la connessione in un unico circuito ovviamente porterebbe Caracalla in un zona di maggiore attenzione”.

 Anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, è intervenuta sul tema spiegando che “l’idea chiaramente è presente, la verità è che questa città è costruita intorno a un cuore pulsante e piano piano bisogna anche destrutturare una serie di percorsi. Non è semplice, ma l’idea ci sta e pezzetto per volta ci lavoriamo. L’obiettivo è molto alto, ma siamo certi che la strada sia ben chiara, bisogna procedere per traguardi. Ci vorrà tempo, ma la direzione è quella”.

TICKET FORI UNITI 16 EURO: 4 AL COMUNE E 9 A PARCO COLOSSEO

Il ticket per l’ingresso al nuovo percorso che unisce Fori imperiali e Foro romano costerà 16 euro. Di questi, 4 euro andranno al Campidoglio per la sua parte dei Fori Imperiali, 9 andranno invece al Parco archeologico del Colosseo. I restanti 3 euro saranno un supplemento di valorizzazione. Il ridotto a 2 euro per i giovani tra i 18 e i 25 anni verrà suddiviso in parti uguali, dunque un euro a Roma Capitale e un euro al Parco. La divisione degli introiti emerge dal protocollo d’intesa presentato oggi dal ministro dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, e dal direttore del Parco archeologico, Alfonsina Russo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»