Radio Radicale “per ora è salva”: il governo va sotto in commissione, la Lega vota con le opposizioni

Nel voto delle commissioni congiunte Finanze-Bilancio approvato coi voti della Lega l'emendamento Sensi-Giachetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel voto delle commissioni congiunte Finanze-Bilancio e’ stato approvato anche coi voti della Lega l’emendamento Sensi-Giachetti, riformulato dalle opposizioni con la Lega.

“Il Governo è andato sotto in Commissione su Radio Radicale. La Lega vota con le opposizioni per salvare la radio mentre i 5 stelle votano contro seguendo le indicazioni di parere contrario del ministro Castelli .” Così la deputata del Pd Silvia Fregolent, Capogruppo in commissione Finanze, a proposito delle votazioni sul dl crescita.

RADIO RADICALE. MARCUCCI (PD): PUÒ ANDARE AVANTI, OSSIGENO PER DEMOCRAZIA

“Grazie ad un nostro emendamento, a firma Giachetti e Sensi, grazie al voto dei deputati della Lega, Radio Radicale potrà continuare le trasmissioni, prima di partecipare ad una gara pubblica che il Ministero dello sviluppo economico. Il tentativo oscurantista del M5S, con il suo gerarca minore Vito Crimi, è stato per il momento respinto. Una piccola, significativa, importante vittoria del Pd a nome della libera e puntale informazione”. Lo scrive su facebook Andrea Marcucci, capogrupo Pd al Senato.

RADIO RADICALE. M5S: INGIUSTIFICATA PIOGGIA DI SOLDI PUBBLICI

“Su Radio Radicale la soluzione più equa era di finanziare la conversione in digitale e la conservazione degli archivi multimediali, fino ad una spesa massima di 1 milione di euro nel triennio, vincolandoli ad un uso pubblico. L’emendamento proposto dalle opposizioni ha disposto invece di erogare altri 3 milioni di euro nel solo 2019 ad una radio che ne riceverà già 9 quest’anno. Una scelta a cui hanno aderito tutti i partiti, compresa la Lega, e che ci ha trovato fortemente contrari”. Lo dichiarano in una nota i deputati M5s delle commissioni Bilancio e Finanze.

RADIO RADICALE. GIACHETTI: PER ORA È SALVA, SOSPENDO SCIOPERO FAME

“Anche se con un contributo inferiore alle necessità, abbiamo approvato un emendamento che stanzia 3 milioni per radio radicale nel 2019. Ho deciso di sospendere lo sciopero della fame, in attesa del voto definitivo sul decreto crescita. Devo ringraziare tantissime persone, per ora la radio è salva. Adesso subito la gara”. Lo scrive su facebook Roberto Giachetti, deputato Pd.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»