Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Interviste, focus e news: nasce il portale DIRE dedicato alla Space Economy

Da oggi l'agenzia di stampa DIRE racconta il mondo della Space Economy in maniera mirata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Da oggi l’agenzia di stampa DIRE racconta il mondo della Space Economy in maniera mirata.

SPACECONOMY.IT

E’ online il nuovo portale www.spaceconomy.it realizzato in collaborazione con l’Agenzia spaziale italiana (Asi): interviste e focus, news e approfondimenti per spiegare al grande pubblico il potenziale della catena di valore che parte dalla ricerca, passa per la tecnologia e lo sviluppo di strumenti per lo Spazio, arrivando poi a fornire utilità per i cittadini.

All’interno del portale saranno ospitate le esperienze di imprese che hanno raccolto la sfida dell’applicazione sulla Terra di tecnologie spaziali (ad esempio qui), ma anche lo sforzo delle Università e dei Centri di Ricerca per il futuro dello Spazio e il miglioramento delle condizioni di vita dei terrestri (ad esempio qui), oltre a tutte le ultime news dal mondo della politica. Presente anche una sezione dedicata agli appuntamenti più interessanti del mondo aerospaziale.

Ricerca, industria, piccole imprese: la Space Economy investe settori vasti e importanti, e l’agenzia DIRE punta a coglierne e a raccontarne gli aspetti più innovativi e necessari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»