Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trasporti a Roma, sarà un venerdì nero: in sciopero Atac, Tpl e Cotral

A rischio le linee bus e metro della capitale ed i trasporti extraurbani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA –  Si preannuncia un Venerdì nero per i trasporti nella Capitale. Venerdì 16 giugno, a Roma, trasporto pubblico a rischio per gli scioperi, rispettivamente di 24 e 4 ore, indetti dai sindacati di base e dal Sul. Entrambe le agitazioni interesseranno sia la rete Atac (bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Viterbo e Termini-Centocelle) che le linee periferiche gestite dalla Roma Tpl.

Per quanto riguarda lo sciopero di 24 ore saranno in vigore le fasce di garanzia: servizio regolare fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. L’agitazione di 4 ore, invece, sarà dalle 11 alle 15.

Previsti disagi anche sulle tratte extraurbane gestite da Cotral. L’organizzazione sindacale Cobas, infatti, ha proclamato uno sciopero generale di 24 ore per il giorno venerdì 16 giugno. L’astensione dalle prestazioni lavorative avverrà con le seguenti modalità: dalle ore 8:30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Le fasce di garanzia saranno rispettate. Nello stesso giorno l’organizzazione sindacale Sul-Ct ha proclamato uno sciopero di 4 ore con astensione dalle prestazioni lavorative dalle ore 11 alle 15. Il servizio di trasporto extraurbano regionale potrà quindi subire disfunzioni e/o soppressioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»