hamburger menu

Studenti dell’Università di Genova contestano il rettore, ma lui se ne va senza incontrarli

Gli universitari stanno occupando il dipartimento di Scienze della Formazione dal 19 aprile, e cercano un dialogo con via Balbi

Pubblicato:13-05-2021 14:02
Ultimo aggiornamento:13-05-2021 14:02
Canale: Genova
Autore:
protesta studenti genova contro rettore
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

GENOVA – Contestazione a sorpresa per il rettore dell’Università di Genova, Federico Delfino, a margine di una conferenza stampa nella sala della Trasparenza della Regione Liguria dedicata a un percorso di condivisione dei dottorati, questa mattina nel capoluogo ligure. Un quindicina di universitari che dal 19 aprile stanno occupando il vicino dipartimento di Scienze della Formazione, hanno srotolato uno striscione con la scritta “Università azienda, mafia e precarietà” e intonato cori contro il rettore, accusato di preferire il dialogo con Confindustria, presente alla conferenza stampa, piuttosto che gli studenti. Poco prima, Delfino, parlando con i giornalisti, aveva assicurato di non ritenere necessario lo sgombero dell’occupazione, ma di preferire il dialogo.

Il rettore, tuttavia, non è uscito ad incontrare i manifestanti, anzi ha lasciato la sala della Trasparenza della Regione Liguria senza incontrare gli studenti che lo stavano contestando all’esterno, urlandogli “vergogna”. A controllare che la tensione non superasse i livelli di guardia, la Digos e una squadra della Polizia.

Gli studenti stanno occupando il dipartimento di Scienze della Formazione dal 19 aprile. Dopo il dialogo dei primi giorni, il rapporto tra via Balbi e gli studenti si è interrotto: il rettore si è detto disponibile a incontrarli nuovamente solo a occupazione terminata; gli universitari rispondono che non hanno intenzione ad abbandonare la lotta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-05-13T14:02:32+02:00