Il vaccino anti-vaiolo ha cambiato la storia dell’umanità

Più di due secoli fa, il 14 maggio del 1796, la prima inoculazione di Edoardo Jenner
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 14 maggio del 1796 Edoardo Jenner inoculò per la prima volta il virus del vaiolo bovino in un bambino per dimostrare la sua teoria: chi veniva in contatto con questo virus diventava poi immune al vaiolo umano.

“Il grande merito di questo medico è di aver inventato la vaccinazione e di avere dimostrato, per la prima volta nella storia dell’umanità, che questo poteva proteggere le persone. Lo ha fatto con un metodo per noi oggi impossibile, ma dobbiamo sempre tenere presente che parliamo di una sperimentazione avvenuta oltre due secoli fa”. A commentare con la Dire la ricorrenza dell’avvio della vaccinazione contro il vaiolo è Guido Castelli Gattinara, pediatra, infettivologo, direttore del Centro vaccinazioni dell’ospedale Bambino Gesu’ di Roma e presidente della Societa’ italiana di infettivologia pediatrica (Sitip).

“Oggi- chiarisce l’esperto- siamo molto più protettivi nei confronti della popolazione che partecipa alle sperimentazioni dei vaccini. Quando si sperimenta- spiega- ci sono prima le prove sugli animali, vengono poi utilizzati dei sistemi di sicurezza per verificarne l’efficacia. Ci sono dei parametri che vanno a vedere i correlati di protezione che indicano il livello di protezione nei confronti di una certa malattia. Sottoporre i pazienti all’infezione è un azzardo pazzesco. Tuttavia- tiene a chiarire l’infettivologo- se vediamo il costo-beneficio di allora, dobbiamo tenere presente che il vaiolo contagiava migliaia di persone e che, nel corso della storia, ha mietuto più vittime delle guerre. Quell’esperimento, rischiosissimo, ha dato un vantaggio enorme all’umanità- sottolinea il medico- oggi infatti la mortalità è arrivata a zero perché la malattia è stata eradicata. Da lì, inoltre, abbiamo sviluppato delle tecniche che permettono di accertare che i vaccini sono sicuri senza sottoporre al minimo rischio i soggetti. Qualsiasi procedura medica comporta dei rischi- conclude Castelli Gattinara- che però devono essere ridotti al minimo soprattutto se, come nel caso dei vaccini, stiamo trattando persone sane”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»