Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Gimbe: “Ancora giù nuovi casi e decessi, superare l’algoritmo dell’Italia a colori”

coronavirus
Il report della Fondazione diretta da Nino Cartabellotta segnala come tutti gli indicatori sono al ribasso e invita a modificare i parametri di valutazione dell'andamento della pandemia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono in calo tutti i numeri legati a nuovi casi e decessi per il coronavirus. È quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, riferito ai giorni che vanno dal 5 all’11 maggio 2021. In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, il monitoraggio rileva una diminuzione di nuovi casi (63.409 vs 78.309, pari a -19%) e decessi (1.544 vs 1.826, pari a -15,4%). Scendono anche i casi attualmente positivi (363.859 vs 413.889, -50.030, pari a -12,1%), il numero delle persone in isolamento domiciliare (346.866 vs 393.290, -46.424, pari a -11,8%), i ricoverati con sintomi (14.937 vs 18.176, -3.239, pari a -17,8%) e le terapie intensive (2.056 vs 2.423, -367, pari a -15,1%). I trend sono in riduzione in tutte le regioni. Tuttavia, continua a salire leggermente l’Rt medio calcolato dall’Istituto superiore di Sanità sui casi sintomatici a 14 giorni, che rispetto al valore di 0,85 (range: 0,80-0,91) della scorsa settimana ha raggiunto lo 0,89 (range: 0,85-0,91). “L’ulteriore calo dei nuovi casi settimanali – dichiara il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta -riflette gli ultimi effetti di sei settimane di un’Italia tutta rosso-arancione“.

LEGGI ANCHE: Figliuolo alle Regioni: da lunedì anche i 40enni potranno prenotare il vaccino

SOLO TRE REGIONI SOPRA LA SOGLIA DI ALLERTA PER I RICOVERI

“Si allenta ulteriormente anche la pressione sugli ospedali – aggiunge la responsabile ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe, Renata Gili -sia per la minore circolazione del virus che per i primi effetti della elevata copertura vaccinale negli over 80″. In dettaglio, in area medica dal picco raggiunto il 6 aprile (n. 29.337) i posti letto occupati sono 14.937, con una riduzione del 49,1% in 35 giorni. Solo la Calabria supera la soglia di allerta del 40%, arrivando al 42%. Sul fronte della terapia intensiva, invece, dal picco raggiunto il 6 aprile (n. 3.743) rimangono occupati 2.056 posti letto, con una riduzione del 45,1% in 35 giorni. La soglia di saturazione del 30% risulta superata, seppur di poco, in Lombardia e in Toscana, entrambe al 32%. “Nelle terapie intensive – spiega il direttore operativo della Fondazione Gimbe, Marco Mosti – il numero dei nuovi ingressi giornalieri continua a scendere, con una media mobile a 7 giorni che questa settimana ha raggiunto i 110 ingressi/die”.

LEGGI ANCHE: Covid, il Senato approva l’emendamento che limita la responsabilità penale dei sanitari

“SUI VACCINI L’ITALIA È PFIZER-DIPENDENTE”

Sul fronte della campagna vaccinale, il presidente Cartabellotta denuncia che “al di là di ritardi e irregolarità delle consegne di AstraZeneca, finora Johnson & Johnson ha consegnato solo ‘briciole’ e oltre 7 milioni di dosi CureVac restano vincolate ai tempi di approvazione dell’Ema. In altri termini, tenuto conto anche del numero esiguo di dosi di Moderna, la campagna vaccinale in Italia è sempre più Pfizer-dipendente“. Il Rapporto della Fondazione Gimbe mette inoltre in luce come solo il 9,9% degli over 80 (n. 439.599) non abbia ricevuto neppure una dose di vaccino, percentuale che sale al 25,9% della fascia 70-79 anni (n. 1.548.525) e che arriva al 49,6% in quella 60-69 anni (n. 3.650.078). Dunque, sono oltre 5,6 milioni le persone a rischio elevato di ospedalizzazione ancora totalmente scoperte dalla protezione vaccinale.

LEGGI ANCHE: Ema conferma: “Sì alla seconda dose Pfizer dopo 40 giorni”

VIDEO | Vaccino, Lopalco: “Pfizer? Se si allunga l’intervallo tra le dosi funziona meglio”

IL NODO DEI RIFIUTI DI ASTRAZENECA

“A fronte di percentuali così elevate di over 60 non ancora coperte dalla prima dose – commenta Cartabellotta – da un lato si offre alle Regioni di aprire sino ai 40 anni per non rallentare le somministrazioni, dall’altro non si rendono noti i numeri di mancate adesioni e rifiuti selettivi di AstraZeneca, che hanno ‘costretto’ ad estendere l’intervallo della seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna sino a 42 giorni con il solo obiettivo di supplire alla carenza di dosi di vaccini a mRNA”.

LEGGI ANCHE: Covid, Locatelli apre allo slittamento del coprifuoco. E attacca Pfizer sui tempi del richiamo

“IMPATTO SEMPRE MINORE SUGLI OSPEDALI, RIVEDERE IL SISTEMA DEI COLORI”

Considerando che la campagna vaccinale sta entrando in una fase condizionata dall’adesione della popolazione, secondo la Fondazione è necessario integrare la prenotazione volontaria con un sistema a chiamata attiva, coinvolgendo in maniera sistematica e capillare i medici di famiglia e mettendo in campo un’adeguata campagna di comunicazione istituzionale e strategie di persuasione individuale. “La verosimile ripresa della circolazione del virus in un’Italia quasi tutta gialla – conclude Cartabellotta – richiede una revisione dell’algoritmo delle regioni ‘a colori’, come già proposto dalle regioni. Con il progredire delle vaccinazioni di anziani e fragili, entriamo infatti in una fase dell’epidemia dove a fronte di un’elevata circolazione del virus ci si attende un impatto sempre minore sugli ospedali. Tuttavia, una revisione integrale del sistema rischia di avvitarsi in sterili tecnicismi e di divenire terreno di scontro governo-regioni, che, ritardando la modifica normativa, potrebbero nel frattempo mandare in arancione alcune regioni”.

LEGGI ANCHE: Covid, le Regioni presentano al Governo proposta di revisione dei parametri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»