Abruzzo, oggi conferenza in Senato sul rischio acquifero del Gran Sasso

Strada dei Parchi ha confermato la chiusura del traforo dal 19 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gallerie autostradali e Laboratori sotterranei dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare rendono insicuro uno dei più importanti bacini idrici dell’Italia centro-meridionale all’interno di un parco nazionale. In questi giorni sono in discussione la dichiarazione dello stato di emergenza e la nomina di un commissario straordinario governativo.

LEGGI ANCHE Strada dei Parchi conferma la chiusura del traforo del Gran Sasso

Oggi alle ore 13 presso la sala Caduti di Nassirya a Palazzo Madama del Senato, l’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso, promosso dalle Associazioni Wwf, Legambiente, Mountain Wilderness, Arci, ProNatura, Cittadinanzattiva, Guardie Ambientali d’Italia, FIAB, CAI e Italia Nostra, terrà una conferenza stampa nella quale illustrerà la situazione di grave pericolo per l’acquifero del Gran Sasso e le posizioni delle Associazioni ambientaliste, sociali e dei consumatori anche alla luce della discussione in corso sulla dichiarazione di emergenza e sulla nomina di un commissario straordinario governativo per la messa in sicurezza del sistema.

LEGGI ANCHE Chiusura traforo del Gran Sasso, per scongiurarla la Regione Abruzzo chiede il commissariamento

Alla conferenza stampa parteciperanno i rappresentanti nazionali delle Associazioni e porterà i saluti la senatrice Loredana De Petris, capogruppo del Gruppo Misto del Senato che ha offerto ospitalità all’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso per questa conferenza stampa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»