Arrivato allo Spallanzani l’infermiere sardo colpito da Ebola (Video)

E' atterrato alle 2.50 di questa notte all'aeroporto militare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ebolaE’ atterrato alle 2.50 di questa notte all’aeroporto militare di Pratica di mare il C130 della 46^ Brigata Aerea dell’Aeronautica Militare con a bordo l’infermiere sardo affetto dal virus ebola.

Il professionista sanitario di Emergency risultato ieri positivo al test Ebola, è giunto nella notte all’Ospedale centro di riferimento per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Il trasferimento è stato organizzato d’intesa tra il Ministero della Salute e quello della Difesa ed è stato eseguito dall’Aeronautica Militare in alto biocontenimento, seguendo le stesse procedure già attuate nel novembre scorso per il medico siciliano colpito dal virus e poi guarito.

L’infermiere di Emergency risultato positivo al test di Ebola, ha poi spiegato Emanuele Nicastri, infettivologo responsabile clinico dello Spallanzani di Roma, “era febbrile, lucido e collaborante. La gestione del trasporto è stata effettuata secondo i protocolli previsti. Il paziente è stato monitorizzato durante tutto il trasporto aereo, senza nessuna criticità. Ha iniziato il trattamento antivirale specifico con farmaco non registrato- ha proseguito l’infettivologo- autorizzato con ordinanza da Aifa su indicazione del ministro della Salute”. Tra 24 ore, hanno infine fatto sapere dallo Spallanzani, sarà emesso il prossimo bollettino medico.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»