Alla manifestazione di Roma ristoratrice in ginocchio davanti alla polizia: “Ho perso tutto, aiuto”

ristoratrice in ginocchio_proteste circo massimo
Un grido disperato quello di Chiara, 50enne toscana, e di tutti i ristoratori che questa mattina si sono ritrovati in piazza a manifestare per chiedere riaperture certe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Aiutateci, ve lo chiedo per piacere. Ve lo chiedo in ginocchio”. Piange e si inginocchia terra in lacrime, Chiara, 50enne ristoratrice toscana. Un grido disperato quello che si alza dal Circo Massimo di Roma a margine della manifestazione dei ristoratori in piazza da stamattina. Dopo ore di protesta e attimi di tensione, la rabbia e le emozioni di Chiara sono esplose davanti al cordone dei poliziotti in tenuta anti sommossa schierati su via dei Cerchi, dove poco fa è stata fatta passare una delegazione di 5 manifestanti per raggiungere Montecitorio. Piange Chiara e si appella al Governo Draghi: “Aiutateci, siamo disperati. Non ce la facciamo più a dire ‘È arrivata la bolletta, come la paghiamo?’, ‘è arrivato l’affitto cosa gli diamo?'”.

LEGGI ANCHE: Covid, ristoratori a Circo Massimo: “Non siamo Casapound, vogliamo lavorare”

Tra i singhiozzi e l’abbraccio di altri ristoratori che la fanno rialzare in piedi, Chiara ormai è un fiume in piena: “Non ho soldi per fare la spesa, se non mi aiutassero le persone io non avrei i soldi per comprare da mangiare“. Il racconto della ristoratrice va avanti nel silenzio di decine di persone attorno a lei: “Io avevo due bar ristoranti, tutte e due chiusi, in 9 mesi. Uno a Empoli e uno a Cerreto Guidi, in Toscana. Tutti chiusi e ora la notte non dormo”. Salgono gli applausi e Chiara continua nel suo sfogo e ammatte tra i singhiozzi: “Io ho provato ad ammazzarmi ma non ci sono riuscita perché sono stata vigliacca. Non ho avuto il coraggio perché io in 50 anni ho sempre lavorato. E se non mi aiutavano due amici che hanno una palestra e da 170 giorni dormono lì dentro, io avevo pensato di buttarmi sotto al treno che mi passa davanti casa. Sono andata lì davanti. Se non mi aiutavano loro io mi ero ammazzata. Non ho avuto il coraggio, sono vigliacca, figuriamoci se avessi il coraggio di fare male a loro. Ve lo giuro”, racconta. “Alcuni amici mi hanno aiutato a vendere tutto – prosegue – Qualcosa sono riuscita a vendere grazie ad alcuni amici che hanno organizzato una colletta su Facebook. Io non sapevo più dove sbattere la testa. Con quei soldi ci sono venuta a Roma”. Mentre applausi e rabbia si mescolano alla commozione, Chiara si asciuga le lacrime: “Questa non è cattiveria è disperazione di famiglie che non hanno più niente da mangiare. In 14 mesi di silenzi e promesse non mantenute abbiamo già perso tutto. Anche la pace”.

PEPPE DI NAPOLI: “SE NON MORIAMO DI COVID MORIREMO DI DISPERAZIONE”

“Se non muoriamo di Covid muoriamo di disperazione”. Non ha dubbi la star campana del web, Peppe Di Napoli, tra i ristoratori presenti oggi al Circo Massimo di Roma in protesta contro le restrizioni del Governo. Titolare di un ristorante a Pianura, Peppe Di Napoli è noto per i suoi video sul web seguiti da migliaia di followers. “Le difficoltà anche a Napoli sono tantissime. L’affitto lo dobbiamo pagare, chi ne paga 3mila, chi ne paga 30mila, ma tutti lo paghiamo. La luce, si paga sempre lo stesso. L’occupazione suolo pubblico l’abbiamo pagata altrimenti rischiamo di perdere la concessione. Noi abbiamo già versato 1.800 euro ad esempio. Le tasse le paghiamo. Lo Stato ci deve aiutare in modo giusto, perché le spese sono molte e gli imprenditori si stanno suicidando”. Di Napoli conferma che anche nel capoluogo campano il calo delle vendite è importante, soprattutto per chi come lui anche una pescheria che lavora proprio con i ristoranti. “Noi abbiamo abbassato i prezzi per far mangiare il popolo. Io sono venuto per solidarietà. Io ho una pescheria-ristorante, avrei potuto anche farne a meno. Però non esiste. Noi napoletani abbiamo il cuore e dobbiamo aoutare chi sta in difficoltà. Io – conclude- sono venuto per questo motivo: per onore, per rispetto e soprattutto per non fare caos, perché a me i disordini non piacciono”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»