Olimpiadi 2026, Fontana: “Codice appalti mette a rischio alcune opere”

attilio fontana
"Abbiamo bisogno che si imbocchi la via della semplificazione, alcune pratiche bizantine vanno superate"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Nicolò Rubeis

MILANO – “Bisogna trovare una strada che ci consenta di arrivare in tempo alle Olimpiadi del 2026, perché se continuiamo ad applicare il codice degli appalti nella formulazione attuale, c’è il rischio che non si riuscirà a realizzare alcune opere, nonostante la buona volontà“. L’allarme arriva dal presidente lombardo Attilio Fontana, che, intervenuto durante la presentazione del quinto Forum ‘Food & Beverage’ (che si terrà a Bormio il 4 e 5 giugno 2021), risponde così a chi gli chiede se entro il 2026, anno delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina, i 50 km di superstrada tra Morbegno e Bormio saranno ultimati.

Abbiamo bisogno che si imbocchi la via della semplificazione– va avanti il governatore- e renderci conto che siamo nel 2021. Alcune pratiche bizantine vanno superate, visto che non sono più compatibili. Ne abbiamo parlato a lungo con il vecchio governo, e adesso stiamo cercando di fare lo stesso con il nuovo”. Anche perché, come chiosa Fontana, “oltre a tutte le opere legate alla Valtellina ce ne sono altre relative alle Olimpiadi che attendono di poter partire”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»