Ex Ilva, operaio licenziato per post fb: “Mi ha chiamato Sabrina Ferilli, pronta ad aiutarmi”

L'operaio licenziato per un post su facebook in cui invitava a seguire la fiction 'Svegliati amore mio', di cui l'attrice romana è protagonista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alba Di Palo

BARI – “All’inizio non ci credevo, mi sembrava assurdo. Poi, la sua cordialità mi ha convinto. Mi ha dato forza e coraggio per affrontare questa situazione“. Cosi’ alla Dire Riccardo Cristello racconta della telefonata ricevuta, lo scorso 10 aprile, dall’attrice Sabrina Ferilli. Cristello è l’operaio dell’ex Ilva licenziato per aver condiviso sui social un post che invitava a seguire la fiction ‘Svegliati amore mio’ di cui l’attrice romana è protagonista e che racconta di una bimba che si è ammalata a causa delle emissioni inquinanti prodotte da una azienda che nella serie si chiama Ghisal.

“Non so come sia riuscita ad avere il mio numero ma sono molto contento”, aggiunge l’operaio. Cosa le ha detto Ferilli? “Che è pronta a sostenermi legalmente e anche economicamente ma io – sostiene l’operaio – per il momento ho rifiutato: ho una grande famiglia che mi sostiene e il sindacato Usb che mi sta seguendo. Però sono molto lusingato dalle sue parole. Mi ha detto: “per qualsiasi necessità sono pronta ad aiutarti”. Sono parole che in questo momento fanno piacere”. E come e’ terminata la telefonata? “Mi ha detto di tenerla aggiornata”, conclude Cristello.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»