Covid, Casapound si prende la piazza dei ristoratori di ‘IoApro’

casapound io apro
Casapound si è 'mangiata' la manifestazione apparecchiata dai ristoratori a Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tutto come previsto. O come prevedibile. Casapound si è ‘mangiata’ la manifestazione apparecchiata dai ristoratori a Roma. Un migliaio, nella piazza a due passi da palazzo Chigi, sotto la pioggia: baristi, cuochi, proprietari di osterie e pizzerie. Al motto di ‘Ioapro’ si erano dati appuntamento in centro, anche se la manifestazione non era stata autorizzata dalla questura di Roma. La scena, però, se la sono presa tutta i neofascisti di via Napoleone III.

Una cinquantina, giovani. All’inizio hanno dato vita a una manifestazione nella manifestazione, piuttosto defilati verso via del Pozzetto. Cori, uno striscione (“La paura di morire non ci sta facendo vivere”), bandiere dell’Italia e fumogeni. A coordinare Luca Marsella, consigliere municipale della tartaruga a Ostia.

A colorare la scena ci ha pensato la delegazione siciliana dei ristoratori, arrivata a Roma dopo aver denunciato per tutta la mattina sui social le difficoltà incontrate nel viaggio a causa della polizia. Quando entrano in piazza san Silvestro, tra cori e bandiere della Trinacria, i manifestanti li accolgono con entusiasmo.

Casapound a quel punto è più lesta, teme che la scena possa prendersela qualcun altro. E allora Marsella capeggia la marcia verso i poliziotti schierati sul lato di via del Corso. “Fateci passare, fateci andare a Montecitorio, protestare è diritto nostro e di tutti i lavoratori”. I militanti neri tengono le braccia alzate, in segno di pace, ma la polizia resta irremovibile: nessun corteo verso il Parlamento.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»