Covid, Draghi ferma i governatori ribelli: “Nessuna eccezione sui vaccini”

Scontro con il governatore della Campania De Luca, che minaccia di non seguire il piano vaccinale e di abbandonare la Conferenza Stato-Regioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo non permetterà alle Regioni di deviare dal piano vaccinale appena diramato dal commissario straordinario all’emergenza. Non lo consentirà alla Campania di Vincenzo De Luca, che propone di immunizzare prima del tempo gli operatori economici nonostante il criterio anagrafico vigente, così come a nessun altro governatore. E anzi, l’esecutivo impugnerà se necessario davanti alla giustizia amministrativa ogni decisione in contrasto con le regole appena fissate. La linea della fermezza, scrive Repubblica, la stabilisce Mario Draghi a metà pomeriggio, dopo aver incontrato a Palazzo Chigi il generale Francesco Figliuolo e il ministro della Salute Roberto Speranza.

“Non ci saranno eccezioni”, è il ragionamento del premier, “e faremo ogni sforzo necessario per far rispettare le priorità del piano“. Una linea ribadita dopo aver ascoltato dalla viva voce di Franco Locatelli le ultime notizie sulla curva del virus. Che scende a fatica, a causa della massima contagiosità della variante inglese.

La telefonata più complessa della giornata spetta a Figliuolo. Sente De Luca per mettere in chiaro che non saranno tollerate eccezioni. Tutto nasce da un’idea del governatore campano, che pubblicamente si smarca dal governo: “Una cosa è il rigore, altro la stupidità. Una volta completati gli ultra ottantenni e i fragili – sostiene – non intendiamo procedere per fasce di età. Lavoreremo anche sui settori economici, perché altrimenti quando avremo finito le fasce di età l’economia italiana sarà morta”.

Un modo, tra l’altro, per “coprire” gli operatori turistici delle isole della Campania, che il presidente di Regione vorrebbe rendere al più presto “Covid free”. Come se non bastasse, De Luca minaccia di lasciare anche la Conferenza Stato-Regioni e critica la struttura commissariale per l’assenza di dosi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»