Coronavirus, Viora (Aogoi): “Ivg farmacologica, incentivare gestione ambulatoriale”

Per l'Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani alle donne va garantito il diritto di interrompere una gravidanza anche durante l'emergenza coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La 194 è una legge dello Stato che va rispettata. Va garantito alle donne il diritto di interrompere una gravidanza e può essere utile in questo momento fare una riflessione sull’aborto farmacologico. In Italia ha una diffusione molto bassa, del 10-15%. In tutti i Paesi in cui la Ru486 è in commercio viene utilizzata fino al 63esimo giorno (9 settimane), negli Stati Uniti fino a 10 settimane. Noi abbiamo chiesto di passare a 9 settimane e di incentivare la gestione ambulatoriale, che richiede uno sforzo organizzativo dei servizi del territorio. In Italia abbiamo 21 servizi sanitari diversi e si tratterà di valutare come garantire il servizio in ogni ospedale e in ogni territorio, riducendo al minimo gli accessi della donna nella struttura”. Così all’agenzia di stampa Dire Elsa Viora, ginecologa e presidente dell’Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani esprimendo la posizione dell’Aogoi sul tema delle interruzioni volontarie di gravidanza in emergenza coronavirus.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»