Golf, obiettivo Ryder Cup: intesa da 40 milioni tra Fig e Infront

ROMA - Rafforzare e rilanciare l'immagine del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Rafforzare e rilanciare l’immagine del golf in Italia puntando su marketing, eventi, innovazione digital e sviluppo commerciale grazie alla spinta della Ryder Cup di Roma 2022. Sono questi gli obiettivi dell’accordo di collaborazione sottoscritto questa mattina al Circolo del tennis del Foro Italico tra la Federazione italiana golf e Infront Sports & Media, società del gruppo Wanda.

L’intesa rappresenta uno dei più importanti impegni commerciali sottoscritti finora nella storia da Infront, ma anche dalla Fig. Nel progetto Ryder Cup 2022 sono previsti in totale 129 eventi nell’arco di undici anni, con undici edizioni dell’Open d’Italia, 88 gare dell’Italian Pro Tour e 30 eventi del percorso Road to Roma 2022. Fanno parte dell’accordo anche i diritti della Federazione italiana golf. A livello economico, Infront garantirà alla Fig 40 milioni di euro negli undici anni di durata dell’accordo e una revenue sharing per la parte di ricavi superiore al minimo garantito.

“Oggi Infront, un gruppo di dimensioni mondiali, viene a firmare un accordo con il nostro mondo, lo fa solo per fare affari e questo lo è- ha spiegato il presidente della Federgolf, Franco Chimenti- Stiamo costruendo un ponte per il futuro del golf, che deve diventare in Italia quello che è nel mondo“. La partnership conclusa oggi “rappresenta un cambio di passo importante per noi- ha sottolineato l’ad di Infront Italy, Luigi De Siervo- Grazie al nostro network internazionale porteremo benefici rilevanti non solo in termini finanziari ma anche nella capacita’ di attrarre brand di alto profilo e nella promozione del nostro Paese”.

LOTTI: BASTA POLEMICHE, ORA PENSARE A ORGANIZZAZIONE

“Mi auguro che le polemiche finiscano e che si possa spiegare l’importanza economica, culturale e turistica di un evento come la Ryder Cup, che è il terzo al mondo per spettatori dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio, e finalmente si possa poi parlare dell’organizzazione”. Cosi’ il ministro dello Sport, Luca Lotti, parlando del via libera da parte del governo alla garanzie per l’organizzazione della Ryder Cup 2022 a Roma.

E’ una promessa mantenuta per il nostro Paese e sono contento che un evento di questa portata possa tenersi in Italia“, ha aggiunto il ministro a margine della premiazione dei motociclisti volontari intervenuti durante l’emergenza sisma in Centro Italia, che si e’ tenuta nel Salone d’Onore del Coni.

In merito alle polemiche innescate da alcune forze politiche, Lotti ha spiegato: “Chi le fa non conosce i numeri o ha fatto confusione su cifre che sono certe e spiegazioni chiare. Io- ha concluso- mi auguro che ci siano ancora tante occasioni per far vedere il business plan, gli introiti e le ricadute che il nostro Paese avrà nell’organizzare questo evento”.

MALAGO’: ORA COSTRUIRE UN EVENTO STORICO

“Ora c’e’ da rimboccarsi le maniche per costruire un evento che possa passare alla storia per tutto il sistema sportivo italiano, anche in virtu’ dell’occasione mancata delle Olimpiadi”. Cosi’ il presidente del Coni, Giovanni Malago’, parlando della Ryder Cup 2022, a margine dell’accordo da 40 mln di euro firmato da Infront Italy e Federgolf.

Chi oggi è contrario a questo progetto, non vuole riconoscere i numeri che lo accompagnano. Se poi nella vita non si crede ai numeri allora ditemi a cosa credere- ha concluso Malago’- I numeri non sono mai stati messi in discussione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»